Il WIFI nelle spiagge: connettiti in sicurezza

Le onde radiofrequenze, i campi elettromagnetici
Campi elettromagnetici e salute pubblica: telefoni cellulari
16 Giugno 2017
Liberalizzazione del mercato della privacy
18 Settembre 2017

Dopo la rete wifi pubblica negli hotel, nei treni, nei centri delle maggiori città, arriva in Italia la tanto agognata connessione wi-fi in spiaggia, che invidiavamo agli altri paesi europei.

I lidi italiani si stanno pian piano attrezzando per soddisfare la voglia di connessione, diventata quasi una necessità, ovunque e gratis, con punti di accesso wi-fi in spiaggia, per cittadini e turisti sempre connessi.

Dotare le spiagge di un’infrastruttura per la connettività ad internet rappresenta un’azione strategica di importanza vitale per lo sviluppo del territorio, che rende fruibile un servizio ormai indispensabile, specialmente se consideriamo la diffusione dei dispositivi mobile come tablet e pc, con connessione esclusiva wi-fi, e non sempre dotati di connessione dati, per collegarsi in rete.

Utilizzare le connessioni pubbliche è sicuramente comodo e vantaggioso, ma dobbiamo fare molta attenzione per non rimanere vittima di azioni di pirateria informatica, data la vulnerabilità delle reti pubbliche, molto spesso non criptate e quindi non protette.

Le pratiche più diffuse dai cybercriminali, sono wifi sniffing e il Karma Attack. Si tratta della creazione di un clone della rete wifi pubblica, con lo scopo di attrarre i navigatori, rubare i loro dati sensibili e spiarne i comportamenti.

Ma questo non vuol dire che dobbiamo rinunciare a connetterci su reti pubbliche, ma solo che sarà necessario adottare qualche accorgimento in più, per navigare in sicurezza.

Ecco qualche consiglio utile:

  1. Effettuare gli aggiornamenti dei sistemi in uso, in modo da installare le ultime patch di sicurezza rilasciate;
  2. Installare un antivirus, che ci difenda da eventuali file dannosi;
  3. Disabilitare la condivisione di file e cartelle tra i vari dispositivi connessi sulla stessa wifi, per impedire ai malintenzionati di accedere ai file presenti sui nostri dispositivi;
  4. Navigare su siti sicuri ed evitare di effettuare operazioni di pagamento, quando si usa una rete pubblica, e controllare che il sito web presenti un certificato di sicurezza, riconoscibile dall’ https che precede il nome del dominio.
  5. Usare una VPN, ovvero una Virtual Private Network che indirizza il traffico su server sicuri e nasconde l’indirizzo IP crittografando la connessione e consentendo una connessione anonima;
  6. Disattivare il wi-fi dal dispositivo, se non in uso, permette di non loggarsi ad una rete pubblica in maniera del tutto automatica, oltre a farci risparmiare batteria;
  7. Navigare con cautela ed evitare di inserire informazioni personali, passwords, numeri di carta quando navighiamo su rete wi-fi pubblica, non criptata.

Adottate tutte le precauzioni del caso e buona navigazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.